28 giu 2009

Giornata mondiale dei Rifugiati: l’ Italia a che punto è?


Realmente io non intendo entrare in questa vicenda per definire l’Italia a che punto è, rispetto ai Diritti Umani o ai Diritti dei rifugiati politici.
Io penso che sia una discussione complicata e fuori dalla mia autorità , perchè qui dal Capo del Governo fino a un poliziotto normale hanno poteri speciali riguardo ai rifugiati.
Il potere che parla contro i rifugiati vince alle elezioni e chi li respinge dentro al mare diventa un eroe…
Gli ultimi provvedimenti presi dal Governo non sono degni di un paese civile ma completamente diversi da quelli che si dovrebbero prendere in un paese come l’Italia .
Ma oggi io - come rifugiato politico - vorrei augurare un buon giorno a tutti i Rifugiati politici sparsi nel Mondo e in particolare a coloro che leggono questa posta .
E vorrei dirvi solo questo: che mondo che è l’attuale? Noi rifugiati ad alcuni sembriamo ladri o persone che emigriamo per divertirci… Qui poche persone sanno chi siamo, perchè indossiamo vestiti usati e siamo così terrorizzati...
Veramente in questo momento nel mondo nessuno comprende l’ altro . Io non voglio protestare contro nessuno , ma per terminare vorrei ricordare una cosa: che noi non dobbiamo dimenticare la nostra coscienza e la nostra umanità.